Lingua

Scegli la lingua del sito:

Cerca nel sito

Testo da cercare

Menu di navigazione

Ti trovi in: Home >PARMA >Arte, cultura e musica

Arte, cultura e musica

Data news:

Da secoli Parma è al centro dell'interesse di un turismo colto, che ama l'arte, la cultura, la musica, nonché la buona tavola. Antelami, Correggio, Parmigianino, Verdi e Toscanini sono noti in tutto il mondo ed esercitano un importante richiamo, avendo impresso qui un forte segno della loro presenza.

Una conoscenza culturale di Parma non può prescindere dal meraviglioso colpo d’occhio di Piazza Duomo, dove la Cattedrale, il Battistero e il Palazzo Vescovile creano un angolo medievale di rara suggestione.

Piazza Duomo

Il Duomo (sec.XI-XII) è una delle più alte espressioni dell’architettura romanica padana, con splendida facciata a capanna e pianta a croce latina. L’interno è ricco di capolavori: i più celebri sono, senz’altro, la cupola affrescata da Correggio (Antonio Allegri) con l’Assunzione della Vergine (1526-1539) e la Deposizione, prima opera scultorea datata di Benedetto Antelami (1178).

L’impronta di Antelami è ancora più evidente nel Battistero. Testimonianza tra le più significative del momento di passaggio dal romanico al gotico, esso è costruito in marmo rosa di Verona su pianta ottagonale. L’artista ne diresse i lavori di edificazione e ne realizzò quasi per intero la nota e pregevolissima decorazione plastica.

A poche decine di metri dalla Cattedrale sorge San Giovanni Evangelista, edificio rinascimentale con facciata e campanile barocchi che ospita straordinarie opere pittoriche, tra le quali la cupola raffigurante il Transito di San Giovanni, affrescata da Correggio (1520-21), e alcuni affreschi di Parmigianino (Francesco Mazzola) nei sottarchi di tre cappelle.

Meritano, inoltre, una visita il Monastero di San Giovanni con i suoi affascinanti chiostri rinascimentali, e l’Antica spezieria benedettina. Ancora Parmigianino nella Madonna della Steccata, splendida chiesa rinascimentale di tipo bramantesco il cui tesoro maggiore è rappresentato dal ciclo decorativo dell’Arcone del presbiterio, realizzato dal Mazzola nel 1530-39 sul tema evangelico delle Vergini sagge e delle Vergini folli. L’altro “nume” cinquecentesco della città, il Correggio, è, invece, presente con un altro capolavoro nella Camera di San Paolo: la volta dell’appartamento della Badessa Giovanna Piacenza, da lui affrescata nel 1519 sotto forma di un pergolato allegorico, è uno degli esiti più alti del maturo Rinascimento italiano.

Teatro Regio

A breve distanza dalla Camera di San Paolo, in pieno centro, si impone allo sguardo il possente Palazzo della Pilotta. Fatto costruire dai Farnese, ospita la Biblioteca Palatina, il Museo Archeologico Nazionale, il ligneo Teatro Farnese (tra i teatri storici più belli del mondo), il Museo Bodoniano e la Galleria Nazionale, una delle più importanti pinacoteche italiane.

Poco oltre, si staglia il neoclassico Teatro Regio, fra i più illustri d’Italia, testimonianza viva dello stretto legame che unisce Parma e la musica lirica. Altri e numerosi teatri, tuttavia, sia d’avanguardia sia di tradizione, offrono stagioni di prosa, balletto e musica concertistica di qualità.

Il visitatore non potrà tralasciare di visitare il Parco Ducale, magnifico esempio di giardino “alla francese” ricco di opere scultoree di Jean Baptiste Boudard, né il Palazzo Ducale che ne è circondato, così come il Municipio e il Palazzo del Governatore, affacciati sulla centralissima Piazza Garibaldi, il Museo Lombardi (con cimeli di Maria Luigia e Napoleone), la Pinacoteca Stuard, le chiese di Sant’Antonio, di San Sepolcro, dell’Annunciata e di Santa Maria del Quartiere, la Casa natale di Arturo Toscanini, la Casa della Musica, il Castello dei Burattini (con la splendida collezione dei Ferrari), l’Auditorium Paganini, la Certosa di Paradigna (appena fuori città).

Presso la Fondazione Magnani Rocca, infine, sono esposti quadri di Tiziano, Dürer, Rubens, Van Dyck, Cézanne, Monet, Renoir, Morandi e De Stahel.

 

Piede di pagina

Fondazione Collegio Europeo di Parma - Borgo R. Tanzi 38/B - 43125 Parma - Tel. +39 0521 207525 - Fax. +39 0521 384653